Come incrementare il CTR nelle campagne Adwords

google adwords,campagne adwords,campagna adwords,campagne google adwordsCome incrementare nelle campagne Adwords il “Click-through rate”, ovverosia il cosiddetto CTR? Ebbene, per incrementare il valore di questo parametro occorre sia analizzare, sia tracciare periodicamente delle opportune metriche al fine di rilevare se la campagna sta generando i risutati sperati con efficacia.

L’obiettivo di chi promuove un sito con le campagne Adwords è chiaramente quello di ottenere la massima resa a fronte della spesa più bassa possibile, ma questo è possibile se la landing page è di qualità, e se le keyword sono attinenti e rilevanti.

Detto ciò occorre monitorare costantemente nel corso della campagna Adwords il CTR. Se questo è pari o superiore al 2%, allora di norma la campagna di annunci sponsorizzati sta dando i suoi frutti, altrimenti forse è bene valutare se non sia il caso di cambiare le keyword e/o l’annuncio associato.

A fronte di una crescita del CTR, che è quello che vogliamo, occorre poi però verificare se i click che stiamo pagando generino i profitti e/o i ritorni sperati. C’è infatti un altro tasso di conversione da monitorare, ed è quello che riguarda la quota di gli utenti che, arrivati nella pagina di atterraggio, completano la procedura prevista che può essere ad esempio l’acquisto di un prodotto, l’iscrizione ad una newsletter, o l’adesione ad un servizio a pagamento.

E’ infatti necessario che i soldi spesi per i clic con la campagna Adwords, caratterizzata da un CTR elevato, creino un ritorno superiore al capitale investito in pubblicità. Altrimenti si viene a generare uno spreco di budget destinato al marketing che alla lunga diventa poi insostenibile. Meglio in questi casi pensarci prima, come sopra accennato, cambiando tempestivamente le keyword ed i contenuti dell’annuncio al fine di ottenere, a parità di CTR, dei ritorni economici superiori.

Come incrementare il CTR nelle campagne Adwordsultima modifica: 2013-05-11T13:36:00+02:00da lucsiowriter
Reposta per primo quest’articolo